Sei in HOME > Parco dei Monti Rognosi e della Valle del Sovara

Parco dei Monti Rognosi e della Valle del Sovara

 

Il Parco dei Monti Rognosi e della Valle del Sovara è uno dei più particolari e suggestivi della Valtiberina Toscana. Con una superficie di circa 1.500 ettari, include la Riserva Naturale dei Monti Rognosi e la sua area contigua. Il gruppo di rilievi dei Monti Rognosi è collocato a nord-ovest di Anghiari e si incastra tra l’Alpe di Catenaia, a nord di Arezzo, e la catena appenninica, distinguendosi per la particolare morfologia e per il suo aspro paesaggio. A rendere i Monti Rognosi così singolari è la composizione geologica: sono infatti costituiti interamente da ofioliti, dal greco ophis (serpente) e lithos (roccia), quindi "roccia del serpente", di origine magmatica di colore prevalentemente verde scuro e nero sulle quali cresce una vegetazione unica, con specie endemiche e specializzate. Queste stesse rocce hanno avuto un'importanza notevole per l'uomo, che le ha sfruttate per ricavare minerali di rame e materiale lapideo.

 

La posizione strategica dei Monti Rognosi, tra la Valtiberina e la città di Arezzo e la presenza di miniere hanno contribuito a rendere questa zona un importante luogo di transito, fin dal passato. Il parco è infatti attraversato dalla Via Ariminiensis, strada di collegamento tra Arezzo e Rimini sorta in epoca romana, che passava dal piccolo abitato rurale di Ponte alla Piera. La stessa strada è rimasta nei secoli quasi immutata, transitata dai pastori durante la transumanza delle greggi verso i pascoli della Maremma. Per questo motivo è oggi conosciuta anche come “strada maremmana”A testimonianza del ruolo strategico dei Monti Rognosi rimangono oggi il possente Castello di Montauto, che ancora domina imponente l’intero crinale e Castiglion Fatalbecco, del quale rimangono solo i ruderi.